lunedì, Maggio 25, 2020

Tra le tanti basi che potete scegliere per ammirare l’Himalaya, Dhulikhel risulta un’ottima scelta per il semplice motivo che non si tratta solo di un posto turistico ma una cittadina di 16 mila abitanti con la propria vita. E che templi!

Uno dei maggiori vantaggi di questa cittadina è che si trova ben collegata con Katmandu, infatti trovate autobus dal Ratna Park che arrivano qui in circa due ore. 

Il problema maggiore di questa zona è che in seguito al terremoto del 2015 ci sono meno posti dove dormire e meno turisti. Per alcuni può essere un vantaggio, per altri forse no, ma in ogni caso deve essere tenuto presente. 

Molti si fermano qui anche per andare a Namobuddha, un tempio buddista, una stupa e un posto tranquillo e sereno a tre ore a piedi da qui.

Potete comunque guardare i picchi dell’Himalaya da qui, tra i tanti potrete vedere il Gauri Shankar, il Melingtze e il Langtang Lirung tutte vette che superano i 7000 metri.

Sulla strada per il Namobuddha passerete da un incrocio con la strada che vi porta al tempio di Kali che si trova accanto ad un ruscello e ovviamente molto pittoresco. Il tempio si trova in cima ad una collina e per arrivarci dovrete passare dal Shanti Ban, un’enorme statua dorata di Buddha. Prima del tempio di Kali potrete anche vedere un tempio Shiva dedicato a Ganesh che si trova vicino ad un ruscello.

Non lontano da qui troverete anche la statua Kailashnath Mahadev che rappresenta Shiva e che a 43,5 metri dovrebbe ancora essere la statua più alta al mondo. Di color ramato e con due cobra, un’ottima occasione per fare un selfie speciale. 

Booking.com
Tags: ,

0 Comments

Leave a Comment

Vorremmo tenerti aggiornato degli ultimi articoli